Campione: il Comune rinuncia alla sua quota per aiutare il casinò

Categorie News: 

news casinoCome sta capitando nelle case da gioco di tutta Europa, anche il Casinò di Campione d'Italia non versa in ottime condizioni, con inevitabili ricadute dal punto di vista lavorativo e dell'indotto.
 
A nulla sono serviti i piani di recupero pianificati in questi mesi e a nulla sembrano servite le varie discussioni da parte dei gruppi politici interessati al risanamento della situazione finanziaria.
 
Ultima delle ipotesi scartate infatti è stata quella di costituire una società per azioni alla gestione del casinò.
 
In ogni caso, dopo i recenti tagli al personale per pareggiare i conti, negativi, di bilancio avutisi due mesi fa, ora ancora altri interventi sono  stati necessari per alleviare la situazione disastrosa che si sta profilando nel 2012 per il Casinò.
 
Il Comune ha quindi deciso di dare una mano al Casinò, del quale tra l'altro è il maggiore beneficiario. Su un totale di 63 milioni di franchi svizzeri, l'ente farà a meno di 25 milioni (circa 21 milioni di euro).
 
Cifra molto importante, che costringerà quindi il Comune a coprire gli ammanchi tramite la vendita di svariati terreni e 67 appartamenti.
 
 Senza dubbio tra le risorse più importanti del Comune, se non la maggiore, il Casinò si trova ad affrontare tutta una serie di fattori negativi, dalla crisi attuale, alla concorrenza di Casinò quali Lugano e Mendrisio, fino alla diminuzione totale dei giocatori.
 
Questa rinuncia da parte del Comune tuttavia rappresenta solo un altro paliativo momentaneo ma che sicuramente non si configura come una soluzione ottimale per risolvere il problema in via più o meno definitiva.
 
Comune rinuncia alla sua quota per aiutare il casinò di Daniele Paveniti - Il Comune di Campione ha deciso di rinunciare alla sua quota azionaria per aiutare il Casinò a continuare la sua attività. - Data: